Home » Firenze E La Toscana: Quello Che Non Si Osa Dire by Antonio Giangrande
Firenze E La Toscana: Quello Che Non Si Osa Dire Antonio Giangrande

Firenze E La Toscana: Quello Che Non Si Osa Dire

Antonio Giangrande

Published July 12th 2013
ISBN : 9781490969992
Paperback
754 pages
Enter the sum

 About the Book 

FIRENZE E LA TOSCANA TUTTO SU FIRENZE E LA TOSCANA QUELLO CHE NON SI OSA DIRE I FIORENTINI ED I TOSCANI SONO DIVERSI DGLI ALTRI? Quello che i Fiorentini ed i Toscani non avrebbero mai potuto scrivere. Quello che i Fiorentini ed i Toscani nonMoreFIRENZE E LA TOSCANA TUTTO SU FIRENZE E LA TOSCANA QUELLO CHE NON SI OSA DIRE I FIORENTINI ED I TOSCANI SONO DIVERSI DGLI ALTRI? Quello che i Fiorentini ed i Toscani non avrebbero mai potuto scrivere. Quello che i Fiorentini ed i Toscani non avrebbero mai voluto leggere. (*Su Siena ce un libro dedicato) di Antonio Giangrande Antonio Giangrande, orgoglioso di essere diverso. In un mondo caposotto (sottosopra od alla rovescia) gli ultimi diventano i primi ed i primi sono gli ultimi. LItalia e un Paese caposotto. Io, in questo mondo alla rovescia, sono lultimo e non subisco tacendo, per questo sono ignorato o perseguitato. I nostri destini in mano ai primi di un mondo sottosopra. Che cazzo di vita e? A proposito degli avvocati, si puo dissertare o credere sulla irregolarita degli esami forensi, ma tutti gli avvocati sanno, ed omertosamente tacciono, in che modo, loro, si sono abilitati e cio nonostante pongono barricate agli aspiranti della professione. Compiti uguali, con contenuto dettato dai commissari desame o passato tra i candidati. Compiti mai o mal corretti. Qual e la misura del merito e la differenza tra idonei e non idonei? Tra iella e buona sorte? Noi siamo animali. Siamo diversi dalle altre specie solo perche siamo viziosi e cio ci aguzza lingegno. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che laiuto cercato non lo concederanno mai. Chi non conosce la verita e uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, e un delinquente. Aforisma di Bertolt Brecht. Bene. Tante verita soggettive e tante omerta son tasselli che la mente corrompono. Io le cerco, le filtro e nei miei libri compongo il puzzle, svelando limmagine che dimostra la verita oggettiva censurata da interessi economici ed ideologie vetuste e criminali. Rappresentare con verita storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realta contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perche la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perche non abbiamo orgoglio e dignita per migliorarci e perche non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso! Ha mai pensato, per un momento, che ce qualcuno che da anni lavora indefessamente per farle sapere quello che non sa? E questo al di la della sua convinzione di sapere gia tutto dalle sue fonti? Provi a leggere un e-book o un book di Antonio Giangrande. Scoprira, cosa succede veramente nella sua regione o in riferimento alla sua professione. Cose che nessuno le dira mai. Non trovera le cose ovvie contro la Mafia o Berlusconi o i complotti della domenica. Cose che servono solo a bacare la mente. Trovera quello che tutti sanno, o che provano sulla loro pelle, ma che nessuno ha il coraggio di raccontare. Puo anche non leggere questi libri, frutto di anni di ricerca, ma nellignoranza imperante che impedisce levoluzione non potra dire che la colpa e degli altri e che gli altri son tutti uguali. Pensino ora i miei venticinque lettori che impressione dovesse fare sullanimo del poveretto, quello che se raccontato. Citazione di Alessandro Manzoni